Gli anni ’90: è storia di oggi.

Il resto è storia assai recente: fanno capolino gli anni ’90, quelli che chiuderanno il XX secolo.

Gigi Proietti e Roberto Benigni, Giampiero Galeazzi e Michele Santoro sono gli “assidui”. E poi Romina Power, Raul Bova, Rodolfo Laganà (trasteverino doc) e Francesco Paolantoni.
Ma quanti ancora! Sarebbe impossibile poterli menzionare tutti…
Abbiamo scelto di citare solo gli habitué, quelli per i quali andare da “Checco” non è una scelta, ma è una piacevole ritualità, un’insostituibile abitudine, una gioiosa consuetudine.
È il 1998 quando Filippo scompare lasciando il locale nelle mani dei figli. Un pezzo di storia romana se ne va in punta di piedi e con grande umiltà, come era nel suo costume.
“Checco er carettiere” prosegue la sua lunga storia di grande ristorante e di luogo d’aggregazione sociale e culturale. Il resto è storia di oggi.
La latteria attigua al ristorante viene rilevata dalle figlie di Filippo e diventa un raffinato ed elegante bar.

Leave a Reply

Blue Captcha Image
Aggiornare

*